In origine uno solo era il canto, la famosa e popolare S’è sposta Maria che insieme alle litanie lauretane e al suono dei campanelli costituiva l’unica ‘colonna sonora’ della manifestazione. Nel tempo fu introdotto il coro rionale la cui partecipazione era inizialmente prerogativa esclusiva delle sole donne nubili. Oggi, invece, ogni Rione ha un suo coro che appronta, organizza e propone tre composizioni corali assolutamente originali e inedite, utilizzate solo per il periodo della manifestazione dei Riti. Solo recentemente, dal 1996 i cori rionali furono aperti anche alla partecipazione di uomini e donne, nubili, celibi e coniugati. Ogni coro prepara tre canti: uno per la processione di penitenza, uno per la processione di comunione e uno per l’apertura della lastra.